Tag

gli astri ostentano splendore
e non sanno dire niente
introversi
come gli idoli sovrani
che frammentano le chiese

le bocche delle stelle sono aride risaie
stralci d’impotenza senza ragione alcuna
di pianto
e quando cadono improvvise
fra le mani non lasciano mai niente

eroine sono le parole, verità
vagabonde sospensioni
come i treni che si lanciano lontano
nascondendoci le lacrime più vere

la coscienza è la mia casa
il bagliore sotterraneo
raggiungibile in tutte le discariche
immagina tutto
persino l’oltretomba
senza gli orologi dell’attesa

Annunci