Tag

non piangete la mia morte, se accadrà,
io la vedo tutti i giorni e mi deride
liquidandomi dai giorni la speranza
del riposo mai sfamato.
affidatemi di cenere ai nuraghi
culla e madre del buon vento
nascerò
dipanando la pietà fino a sentirla
pane in debito lontano.
scavalcando cuore e nome
scalderò la fossa nuova
e di voi saprò l’istinto
l’avarizia – carità devota ai cani
le carezze senza tatto e le virtù
disseccate sotto il sole.
non piangete mai le spoglie dissanguate
esaltatene il sollievo, l’ideazione senza gesto
e pregate che mai sia
d’affidarvi nudità con le parole.

Annunci