Tag

 
Tu contraddici il fiato
Lo schivi come l’ombra schiva il sole
E al graffio tuo io sento confermare
La sete che provai
Nascendo carità per queste ossa

La vita avrà destino finché saprò morire
Curandomi le costole mai stanche
Di favole in delirio
Perché non smetterò di crederti parola
Cogliendoti rosaio e tentazione
 
Diluvia la coscienza
Annega la memoria di colpe denudate
E allora innaffio il tempo stordendomi di me
Vangando le rovine di ieri e di domani

Che dire dell’istante se eterna è la certezza
Stravolta e mai perduta
Origine di noi spoglie intrecciate
Per ammansire altrove
La sabbia intorno ai fianchi

A te che doni e inventi la mia consolazione
Io vanto verità e niente comparse
Perché non so cantare voltandomi le spalle
E con gli specchi ho infranto le mie lodi

Annunci