Sebbene distante
Il tuo abbraccio mi è pasto
E culla questa fame
Oscilla l’attesa
Iniziando la pace

La sabbia fredda è là
E la città di miele ora digiuna
Vestendosi  al tramonto
Con le pianure buie
Inesplorate al sé

Concime le mie scarpe
Trascinano l’auspicio
Del tempo da sbocciare
Sfidando i rami spogli
Desolati

Annunci